Jam Pavone & i Pearl Rita

 

 

 

Cara Rita Pavone,

non mi sei mai piaciuta. Posso dirlo o per farlo devo essere nato a Torino?
O basta essere del Piemonte? Comunque io sono del nord quindi penso che qualcosa avrò il diritto di dirla.

Rita, non mi sei mai piaciuta, proprio mai e adesso non mi piaci ancora di più. Non mi è mai piaciuto il tuo atteggiamento da cantante sprint che pensa d’essere sempre giovane, non mi è mai piaciuta la tua schiettezza, la tua vitalità, non mi è mai piaciuto manco Teddy Reno.

Le tue canzoni, col tempo, sono rimaste quello che erano: canzonette leggere e innocue. E adesso che hai detto una stronzata grossa come la tristezza che avvolge il tuo personaggio volevo proprio dirtelo in faccia che non mi piaci.

Volevo anche spiegarti due cose che alla tua età dovresti sapere. Ma proprio due eh. Un artista ha tra tutti i diritti, il diritto di esprimersi; ti parrà strano, ma è così. Cioè credo che tu lo sappia, ma presumo che pensi valga solo quando a esprimerti sei tu.

Ha anche – ascolta bene- il diritto di prendere una posizione. E a volte non solo esercita l’espressione di sé come un diritto ma anche come un dovere. Questo poi è molto strano eh, il fatto che un artista senta un dovere. Ma non stupirti troppo Rita, non esistono solo gli artisti di regime, esistono altri artisti che si confrontano in libertà.

Se hai un foglietto però, questo segnatelo, Rita.

 

L’arte poi, per sua natura, tende all’universalità. Cioè ti parrà incredibile, ma cerca di superare i confini politici come quello degli stati, della differenza etnica e di tutta un’altra serie di limiti che non le appaiono come tali.  Quindi un artista non si sente italiano, svizzero o marocchino quando esprime un’opinione sui diritti umani.

Cioè a volte può capitare che si senta nero, frocio ed ebreo nello stesso tempo, una condizione che  racchiude una grande potenza emotiva ed espressiva non trovi? Ma questo per te forse è un po’ troppo.

Ecco Rita, questa cosa del “fatevi i cazzi vostri” la potevi forse dire a un politico straniero, ma forse eh. Ma non la puoi dire ad un artista. O meglio, certo che la puoi dire, ma stai dicendo una stronzata, stai esprimendo un pensiero piccolo piccolo. Ma piccolo.

Questa cosa del “pensate ai vostri di problemi invece che parlare dei nostri” la potevi forse dire ad un politico, ma forse eh. Ma non la puoi dire ad un artista che pensa che i diritti umani sono pur sempre cazzi suoi.

O meglio la puoi dire; puoi dire il cazzo che vuoi Rita.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...