Non vedi che devo dormire

Non vedi che devo dormire
rispondere solo al calore
che la stanza del sonno chiede.
Le vene di legno al soffitto
contare, le veglie del letto
passate a parlare d’amore.
Non vedi che devo dormire
le tue mutandine nel pugno
hanno un palco d’onore sotto
al guanciale. Per chissà chi altro
adesso le sfili chissà se
ancora le infili per gioco
nel luogo del capo reciso
a conca di piume il tuo vuoto
l’odore privato riposa.

da: “Quando l’estate crepa”

Immagine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...